"Non sono le idee che mi mancano, è il tempo per realizzarle che è troppo poco."

lunedì 26 settembre 2011

di cani, di gatti e di amiche (prima parte)

Ho sempre amato gli animali, in particolare i cani.

I miei genitori affaticati da quattro figli non ne hanno mai voluto sapere di avere un animale in casa (a meno che non fosse di peluche), e adesso da adulti sia io che mia sorella e mio fratello abbiamo gatti o conigli o pesci o una fidanzata con animali.

Galattico il gattone di mia sorella, Arturo.
Bianco, un gattone di campagna, circa 6 Kg, , se ne stà tutto il giorno a zonzo.
Ha una adorazione totale per mia sorella.
E' capitato che in uno slancio di affettuosità felina abbia portato in casa anche il suo amico Pallino (un tigrato rosso) e insieme se ne stavano belli tranquilli e rilassati sul letto di mia sorella che quando se ne è accorta...immaginatevi voi la scena.



Arturo mi odia.
Semplicemente perchè sono stata io a portarlo dalla veterinaria per farlo sterilizzare.
E secondo me a distanza di 3 anni se ne ricorda.

I miei primi approcci con i cani li ho avuti fin da piccola.
Non mi dimenticherò mai di Colombo, il cane della piccola pensione di montagna, adorato da tutti i bambini che affollavano "La Perticara", un salsicciotto bianco frutto di chissà quale incrocio, con qualche macchia caffèlatte quà e là.
Certo che lui non si tirava indietro, affettuoso con tutti, quel birbante!
Ci sapeva fare, e riusciva a ottenere sembre qualche "assaggio" delle merende di quei pomeriggi spensierati, ovviamente pane e prosciutto o pane e marmellata.
Altri tempi, bellissimi, divertenti, spensierati...
Nessuno però si avvicinava a Diuk, il pastore tedesco, grosso, altero, non ci degnava di una occhiata, troppo impegnato ad adorare i padroni.
Ma non ci abbaiava mai, nè se la prendeva con quello scapicollato del suo collega Colombo che si accaparrava tutte le attenzioni e le coccole che una dozzina scalmanata di ragazzini poteva regalare.



Mi ricordo anche di Sofia, il barboncino marrone di mia zia, cavolo, come tirava il guizaglio!
E ancora Rinty, pelosone e giocorellone, anche lui montanaro dei vicini di casa.
Sentiva arrivare la macchina e arrivava a corsa per giocare.


Poi è stata la volta degli incontri ravvicinati con il mondo felino.
Il mio primissimo contatto non è stato dei migliori.
Duchessa (un nome, un programma) persiano bianco di nostri amici modenesi.
Impossibile avvicinarsi. Ringhi, soffi e tentativi di graffi.
Se me la trovavo davanti cambiavo strada.
La convivenza con Duchessa era impossibile. Ma non solo per noi ospiti dai nostri amici, ma anche per loro stessi!
Però un gatto solo a volte non basta e così entrò a far parte della famiglia modenese anche Minou.
Adorabile Minou! Una siamese dolcissima e coccolissima! Un tesoro di gattina!

Qualche rapida carezza a Ulisse, anche lui siamese, il gatto della mia compagna di banco.
Lui se ne stava per conto suo.
Ogni tanto entrava in stanza dove studiavamo, guardava un po la situazione, passava dalla padroncina per una grattatina sulla schiena e se ne andava.



Poi ancora qualche contatto con i cani delle varie amiche, la conoscenza con Kora, il boxer della mia vicina di casa livornese, Gina, jack russel, di Pavia, e ancora Flora dolcissima Cavalier King Charles e infine Perla e Oro, due bellissimi golden retriver.

Ovviamente tutti di amici o amiche...finchè non ci è venuta la voglia (senza parlare delle incessanti richieste dell'aliena) di un animalino che scorrazzasse per casa.
E così è arrivato Leo.



Lui non è molto affettuoso, non si fa prendere in collo e se ne sta molto per i fatti suoi.
Insomma, il desiderio di stringere un batuffolo peloso era rimasto.

E anche la voglia di prendere un cagnolino...magari un border collie.
Sì, proprio un border collie.

Ma è stata la conoscenza con due gatti particolari che mi ha fatto cambiare idea.
Due esemplari da mostra, meravigliosi galattici, dolcissimi, una nuvola di delicatezza...due ragdoll di una mia amica.

Sono rimasta impressionata dalla loro docilità e dolcezza, dal loro sofficità e dalla loro assoluta fiducia nei miei confronti, meravigliosi, non ci sono altre parole per descriverli.




Così mi sono innamorata dei gatti.
Abbiamo cercato tantissimo su internet, cercando anche di farci una idea ben precisa del carattere che a grandi linee contraddistingue ogni razza.
I gatti europeii sono stati accantonati da mio marito solo per il carattere un pò più..."spensierato" e dopo essersi ricordato del suo gattino che liberamente si arrampicava sulle tende come se fosse stato Tarzan.
Ovviamente la mamma di mio marito seppe gestire la situazione...dopo una settimana il gattino era ritornato dove era stato preso, stessa sorte subì anche un barboncino nero arrivato pochi mesi dopo.
Posso solo immaginare il dolore e il dispiacere di un bambino di 7/8 anni.
Prendere un animale in casa è un grosso impegno, non bisogna mai farlo se non si è consapevoli e convinti di quello che si sta per fare.


Insomma, dicevo, mi sono così innamorata dei gatti.
Anzi, sono follemente innamorata dei miei gatti.
Così da quattro anni fanno parte della nostra famiglia anche loro, Ambra e Rambaldo.



E siamo solo alla prima parte...

6 commenti:

bilibina ha detto...

Che bello il super gatto Arturo, ed anche tutti gli altri! Sai che anch'io ho una siamesina dolcissima che si chiama Minou? Ho anche un europeo tigrato adottato da adulto, a suo modo affettuoso anche lui, però solo con me! Aspetto di leggere anche la seconda parte..ciao!!
Buona serata
Carmen

Dream's House di Antonella ha detto...

Che sei innamorata si è capito... eccome!!!! Sono tenerissimi come non si potrebbe!!! Ma anche degli altri ... gatti cani ecc. dei quali hai fatto un'interessante descrizione!!! Io purtroppo non posso tenere animali in casa ... Mia sorella però ha un piccolo zoo e sono tutti (Due cani, due uccellini, un coniglio, pesci di tutti i tipi e tartarughe) una meraviglia.... per ora la mia tenerezza è rivolta a Siria... una dei due cagnolini che è diventata sorda e quando le parli, ti guarda negli occhi, come se ti leggesse il labiale ... piccola quanto è dolce!!!
Un abbraccio ^__^

Ely ha detto...

alla faccia di Arturo!!!! anche noi abbiamo un coniglio nano che si chiama macchia, ogni tanto ringhia e non esce mai dalla sua gabbia, forse che con 3 squali in giro li si senta al sicuro? ma i gatti no, nonsò perchè ma ho da sempre paura.... mi piacciono quelli degli altri ma rimangano degli altri! baci

Chiara ha detto...

meravigliosamenteeee meraviglioso questo post!!!!!!!!!!
che bello Leo!!!!
io sono innamoratissima dei gatti!! starei a guardarli per ore senza che un pensiero mi passi per la mente! sono magiciiii!!!
da quando ero piccolina ogni gatto che vedevo volevo portarlo a casa con me, ma mio nonna non la pensava proprio come me, anzi lei nn li poteva proprio vedere :(( diceva sempre che quando era piccola e avevano pochissime cose da mangiare, a volte i gatti entravano nella cucina e rubavano la poca carne che avevano...
con i cani andava un pò meglio :) e così è arrivata Maika, un batuffolo dolcissimo di pastore tedesco, il mio amoreeeeeee!!! dopo alcuni giorni che era arrivata a casa ha iniziato a stare malissimo, il veterinario aveva proposta una soluzione un pò troppo rapida e senza cuore...io mi opposi!!! dopo qualche giorno mio fratello ha avuto un bruttisismo incidente, in coma, io ero disperata!! mia mamma pensava che era meglio seguire il consiglio del veterinario :( ma io ho detto che se si salvava Maika si salvava anche mio fratello, e così sono stata sempre vicino a lei!! ogni giorno al portavo dal veterinario per fare le inizioni e i vari trattamenti...pian piano migliorò :) dormiva con me e la mattina alle 6 si svegliava e iniziava a mangiucchiarsi le scatole delle scarpe oppure i miei vestiti :) era così piccola!! non riusciva neppure a salire le scale :))
è stata, è il mio angelo!!!!
durante il suo ultimo anno con noi, arrivò cricchetto, lei era molto malata e io e cricchetto passavamo ore accanto a lei!! cricchetto le voleva stare sempre vicino!!!
ed ora c'è lui che mi riempie il cuoreeeee!!!!è dolcissimooooo!!!!
le mie lacrime dicono stop:)
baciiiiiiii!!!!!!!!!!! e tante coccole ai tuoi dolcissimi cuccioli!

Günther ha detto...

he he he molto bello il post io credo che gatto e padrone si scelgono un po', come noi le amicizie con alcuni leghiamo di più con altri meno, importante è essere consapevoli che non sono giocattoli :-)) aspetto seconda puntata

Natalia ha detto...

"Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
Per sfogliarlo gratis clicca qui:

http://www.openkitchenmagazine.com/

Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

Un abbraccio,
il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
Te ne saremmo davvero grati! ^.^"