"Non sono le idee che mi mancano, è il tempo per realizzarle che è troppo poco."

giovedì 12 febbraio 2009

zuppa di cavolo nero e schiacciata fiorentina

Dopo giornate di pioggia, una libecciata tremenda con vento che soffiava a 100 km. l'ora, finalmente oggi una giornata di sole!
Magari non caldina, perchè c'è la tramontanina mon amour che spira leggera, però finalmente!
In questi giorni ho fatto un sacco di cose: orli ai jeans della Obi, sistemato i jeans a John Boy, cucito i cuscini a Bellina (la ragazza di John Boy), un nuovo astuccio per le matite per Yuffie, cucito i miei cuscini per la montagna, andata avanti con il nuovo lavorino di ricamo, ecc. ecc.
Mi sono data da fare anche in cucina, a volte non con risultati ottimali, poi vi farò vedere...
Con tutte le cosette che ho fatto ci sarebbe stato da fare post per ogni giorno della settimana, ma sapete com 'è, la mattina c'è sempre da fare in casa, poi la spesa, preparare in cucina, e quando rientrano gli alieni da scuola fanno loro il pc e per me diventa impossibile prenderne il possesso.
Dai, inizio la carrellata che ho un sacco di cose da farvi vedere e ho poco tempo!

Che ne dite del mio quadro?



Ma che bella soddisfazione vederlo incorniciato, sono sette mesi che me lo tiravo dietro (niente in confronto alla tovaglia natalizia che stò facendo, l'ho iniziata che stavo ancora a Pavia), e adesso eccolo qui!
Una faticaccia anche postare la foto, continuo ad avere problemi e nessuno tra i capoccioni della famiglia intende aiutarmi, prima o poi mi deciderò a fare lo "sciopero della cucina".
E a proposito della cucina, da che parte iniziamo?

Dalla ZUPPA DI CAVOLO NERO!



Tipica della Toscana, è un "piattino" giusto per questo periodo, ormai siamo agli ultimi freddi e bisogna farlo per forza!
Quando ero su a Pavia non riuscivo a trovare il cavolo nero, era una disperazione per me che ho assolutamente bisogno di queste zuppe quando ho freddo! E lassù di freddo...uh, se l'ho sentito! E per realizzare questa saporitissima zuppa ci vuole:

2 cavoli neri, quelli con le foglie più piccole e tenere
60 gr. di fagioli rossi secchi (io adopero i cannellini)
2 patate
3 pomodori rossi maturi
1 costa di sedano
1 cipolla
1 carota
timo, olio extra, sale, pepe, pane toscano

Rosolare la cipolla, il sedano e la carota a pezzettini, quindi aggiungere i pomodori, il rametto di timo e le patate a pezzettini.
Lasciare insaporire e poi unite le foglie di cavolo nero lavate e tagliate a listarelle.
Unite i fagioli (già ammollati) e circa un litro e mezzo di acqua fredda.
Salare e lasciare cuocere per circa 2 ore. Aggiungere acqua se sembra che manchi.
Appena è pronta stendere nella scodella le fette di pane toscano e versarci sopra la zuppa. Mi raccomando, va mangiata caldissima!

E che credete, che vi lasci così con un piatto di zuppa e via?
Eh, no! Adesso tocca alla

SCHIACCIATA FIORENTINA
Ci vorrebbe un post dedicato solo a questo dolcino, e non basterebbe!
Infatti ne esistono molteplici ricette, io ne avrò 6 o 7 addirittura, con strutto, con burro, con lo zafferano, con il lievito di birra, ecc. questa è la ricetta più semplice che ho, me la ha passata la nonna di Matteo uno degli amici del mare dell'alieno.
La nonna è fiorentina purosangue, un incanto ascoltarla quando parla della sua infanzia durante la guerra, donna arguta e sempre con la risposta pronta, che sa ascoltare e dare dei consigli, la mamma che mi sarebbe sempre piaciuto avere.
Cosa avrà mai di speciale questa versione rispetto a tante altre?
Innanzi tutto si misura a cucchiaiate, e seconda cosa non c'è il succo dell'arancia.
Pare che per questa ragione il giorno dopo (se per caso ne avanzasse) questo dolcino rimane sempre soffice. Ed io alla nonna di Matteo ci credo!



11 cucchiai di farina
6 cucchiai di olio extra
8 cuchhiai di zucchero
3 uova
una bustina di zafferano (facoltativo)
scorza di un arancio grattugiato
mezza bustina di lievito
mezzo bicchiere di latte

Lavorare le uova intere con lo zucchero, quindi aggiungere uno alla volta tutti gli altri ingredienti, per ultimo il lievito.
Versare il composto in teglia rettangolare (la mia misura 18x25 cm.) e infornare a forno già caldo (180°) per una ventina di minuti.
Al momento di servire spolverare abbondantemente con zucchero a velo.
Buonissima così semplice, ma se c'è qualche golosone a giro la può farcire con della panna montata freschissima. Con il vin santo è perfetta!

Adesso lasciatemi prendere un po dai ricordi...un incanto è la schiacciata fiorentina di Scudieri, una meraviglia che mio padre portava sempre quando andava a Firenze per lavoro (accadeva assai spesso!), quell'aroma, quel profumo è inconfondibile, impossibile dimenticarlo, anche se sono passati ormai tanti anni!
Arrivava la sera a casa con il pacchetto rettangolare, portato pari pari per non far sciupare la soffice coltre di zucchero, e lì nel mezzo della schiacciata l'inconfondibile giglio fiorentino con il cacao...impossibile resistere!
Se andate a Firenze fate una scappatina alla pasticceria Scudieri, lì, in centro in piazza di San Giovanni, praticamente al Duomo, impossibile non vederla, so che c'è ancora, mi sono informata, e poi fatemi sapere...

Questo post mi sà di...nostalgia per i mangiarini toscani....
OOOOHHHHHHH.......

21 commenti:

Romy ha detto...

Certo....bisogna sempre credere alle nonne! La zuppa è una favola, e il quadro...complimenti! E' davvero splendido...Bacioni :-)

Bosina ha detto...

Ma tu sei un angelo!!! Che meraviglia quel quadro a punto croce.
Ottima la zuppa. Col frddo che fa ne sto preparando una anch'io. E' bello abbandonarsi ai sapori della tradizione.

Bosina ha detto...

...dimenticavo di farti i complimenti per la schiacciata! Te la provo di sicuro.

Mammazan ha detto...

A dire il vero non saprei scegliere tra la zuppa ed il dolce. Bisogna assaggiare tutto... non trovi?
Devo provare assolutamente a preparare il ragù di cinghiale con le pappardelle.
Deve essere un piatto memorabile!!

Mammazan ha detto...

Dimenticavo che anche i quadri a punto croce sono una meraviglia.. sei bravissima a ritagliarti tempo per tutto!!!!

manu e silvia ha detto...

Ma sei proprio una maga con ago e filo!! E poi questo quadro è stupendo!!
Ok anche la zuppa di cavolo nero...figuriamoci accompagnata con i crostini...
Stupenda questa schiacciata fiorentina!! Semplicissima e davveroinvitante!
bacioni

Chiara ha detto...

che meravigliosa calda zuppa!!!
ma sai che proprio oggi dicevo che una zuppa sarebbe stata perfetta...la caldaia è andata in tilt e in casa è un bel pò freddo...una zuppa... ottimo rimedio!
complimenti per il quadro, meraviglioso!!!

Jul e Mo ha detto...

Noi AMIAMO la schiaccia toscana, quella salata però... Quella dolce ci manca...quindi...toccherà tornare in Toscana quest'estate!! ^^ Boooonaaaaa!!! Ciao! Bellissimi i funghetti!

JAJO ha detto...

La zuppa non so (è raro qui trovare il cavolo nero) ma la schiacciata la faccio di sicuro nel fine settimana :-D

Mirtilla ha detto...

favolosa zuppa!!!

mammadeglialieni ha detto...

-romy: ciaooo, grazie!

-bosina: grazie! a me piacciono moltissimo i piatti della tradizione, trovo che sia importante non perdere le nostre origini...

-mammazan: a me piace tantissimo, provalo e fammi sapere! per quanto riguarda il mio hobby mi distende tantissimo e il tempo lo trovo per forza!

-manu e silvia: ciao ragazze, grazie mille! un abbraccione!

-chiara: speriamo che la caldaia non abbia niente di grave, altrimenti ci vuole ben altro che la zuppa!

-jul e mo: dai allora, correte a prepararla! un abbraccio!

-jajo: per la zuppa devi trovare il cavolo nero, se non la fai non sai cosa ti perdi! vabbè, ti consolerai con la schiacciata fiorentina! ahahahah!

-mirtilla: concordo con te!!!

dario ha detto...

la zuppa è ottima, ma quella schiacciata.. wow!!!!fantastica!

ciaooo e buonissima settimana!

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Mammina continuerò a ripetertelo te tu hai le manine d'oro. Io ho fatto la Ribollita qualche gg fa e la zuppa di cavolo nero la voglio provare pertanto sento mia la tua ricettina :-) Un bacio Laura

anna righeblu ha detto...

Deliziosi i funghi a punto croce! E la zuppa di cavolo nero, con questo freddo mi va benissimo...il cavolo nero non ho difficoltà a trovarlo!
Sembra facile la schiacciata, più in là provo anche quella.
Ciao e a presto

Gunther ha detto...

non so da dove cominciare, basta dostrarsi un attimo che infili tre cose una più belle dell'altra, complimenti per il lavoro dei funghi, non sie da meno in cucina io ho apprezzato molto la zuppa di cavolo, buona la schicciatina ma la zuppa super

Anonimo ha detto...

Ciao
ti leggo da un pò, ma non ho mai lasciato alcun commeto.
Però oggi, dopo aver rifatto x l'ennesima volta un tuo dolce(ottimo come tutti gli altri che ho riprovato), devo assolutamente scriverti per dirti che sei meravigliosa in tutto quello che fai (cucina., cucito, mamma, moglie e tutto il resto che fai ma io ancora non conosco) e per ringraziarti per le squisiti ricette che ci lasci.
Io appassionata di cucina e goloso ti imito soprattutto nei dolci e tutti hanno sempre un successone con marito e figlio.
Baci
A presto
Pina

mammadeglialieni ha detto...

-dario: ciao e buona settimana anche a te!

-laura: bonaaa la ribollitaaa!!!! ciao lauretta, un bacio!

- anna righeblu: la schiacciata è facilissima, specialmente questa versione. è il dolce tipico di firenze durante il periodo di carnevale. un abbraccio!

-gunther: hai ragione gunther, la zuppa è veramente meravigliosa, poi io adoro le verdure...

-pina: grazieee....tutti questi complimenti mi hanno fatto arrossire...non ci sono abituata! ti ringrazio molto per le tue parole, comunque ti posso assicurare che ne ho di difetti, uh, se ne ho!!! sono contenta che le ricette che hai provato siano piaciute ai tuoi.
grazie ancora del tuo commento, torna presto!

JAJO ha detto...

Fattaaaa (la schiacciata), non mi è cresciuta troppo, avrei voluto mezzo centimetro in più, ma il sapore era proprio buono :-D

mammadeglialieni ha detto...

jajo: piaciuta allora? vabbè, la altezza dipende dalla tortiera...baci!

Monique ha detto...

Ciao, non ti conoscevo ma mi unisco subito ai tuoi lettori per solidarietà toscana e per le tue ricette vicino ai miei gusti. Io sono nata a Firenze ma vivo in Svizzera. I ricordi dei gusti toscani sono proprio di panzanella, schiacciata alla fiorentina (che ho postato nel mio blog ma della quale non metterò mai la ricetta) la schiacciata con l'uva, la zuppa al cavolo nero e tantissime cose che venendo nel tuo blog mi hai ricordato. Complimenti e a presto!

mammadeglialieni ha detto...

-monique.: ciao, benvenuta, grazie!